Libriamoci 2019|ASSAGGI di POESIA per POESIE di ASSAGGI 6

Il 13 novembre 2019, nell’ambito di “Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole”, la Biblioteca della Fondazione Alario - come di consueto in occasione della campagna del Centro per il libro e la lettura - “si trasferisce” nelle cucine dell'Istituto per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione “Ancel Keys” di Castelnuovo Cilento, per la sesta edizione di ASSAGGI di POESIA per POESIE di ASSAGGI: un progetto inedito, ideato dalla Biblioteca appositamente per gli alunni del “Keys”, che coniuga il piacere della lettura alla preparazione di gustose pietanze rielaborate con ingredienti tipici della tradizione enogastronomica locale.


Dopo le odi “alimentari” di Pablo Neruda, gli scritti “golosi” di Giacomo Leopardi, gli “approvvigionamenti” letterari del Don Chisciotte di Cervantes, i “benevoli legumi” di Margaret e Ancel Keys e le “declinazioni” del cibo nel Decameron di Boccaccio, quest’anno sono I promessi sposi di Manzoni la fonte letteraria delle letture in programma, selezionate allo scopo di raccontare - attraverso “Il banchetto di Renzo e Lucia” - le storie di carestia, ruralità e civiltà contadina che affollano il romanzo più “affamato” della letteratura italiana dell’Ottocento.


Cibo, fame e umanità sono tra i temi principali affrontati dal Manzoni, nella realistica caratterizzazione delle imprese dei protagonisti e dei contesti in cui si svolgono le vicende narrate: la storia è nel piatto, ricco o povero che sia!


La questione nevralgica della fame coinvolge la vita intima dell’uomo, la sua parte più profonda e vulnerabile. Se viene a mancare il cibo anche il senso di umanità viene meno: a tal proposito, la descrizione dell’assalto ai forni è un affresco condito di particolari crudi e precisi, che assume tinte sempre più fosche man mano che dalle scene di rapine, soprusi e abbandoni si passa a quelle dei cadaveri con le bocche piene d’erba masticata, ultimo, disperato, pasto prima della morte. Il romanzo racconta, quindi, l’agonia di un’umanità privata della materia prima della vita: a causa della carestia, avvertita sia sotto l’aspetto economico che morale, il pane manca, il cibo scarseggia e l’umanità si svilisce.


Al contrario, in molti capitoli del romanzo la fame diventa occasione di solidarietà nei confronti dei più deboli: Renzo viene invitato a condividere la “bigia polenta” alla misera tavola di Tonio; Lucia viene accolta amorevolmente dalla famiglia del sarto e ristorata con del brodo di cappone; il cardinale Federigo Borromeo, attraverso l’azione capillare dei preti, distribuisce migliaia di scodelle di minestra di riso ai più bisognosi e affamati.

Anche nelle taverne - dove Renzo si ferma nel corso del suo viaggio tra Milano e Bergamo - nonché a casa di Don Abbondio, le pietanze sono umili e preparate con pochi, semplici, ingredienti: formaggi o stufati, a base di cavoli, verze e avanzi di bollito.

Ai momenti conviviali della gente comune - focolai domestici che brulicano d’amore e unione familiare - fa da contrappunto il banchetto riccamente imbandito di Don Rodrigo, che ritrae una nobiltà oziosa, intenta a gozzovigliare e a bere buon vino, indifferente ai problemi dei poveri e del tutto improduttiva per il benessere della nazione.


Ospiti d’eccezione gli stessi Renzo e Lucia, che racconteranno in prima persona le loro rocambolesche vicende, intervallandole alle letture messe a punto dagli studenti dell’indirizzo “Accoglienza turistica”, nonché alla preparazione di piatti ispirati ai contenuti del romanzo da parte degli allievi di “Sala” ed “Enogastronomia”.


Ai racconti - di storie e di gusto - verrà dato a sorpresa un finale diverso: il matrimonio dei due giovani “s’ha da fare” e si concluderà con un lauto banchetto nuziale a cui parteciperanno tutti i protagonisti delle letture.

ASSAGGI di POESIA per POESIE di ASSAGGI sarà ripetuto il 14 novembre 2019, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Casal Velino: sul leitmotiv cibo_fame_umanità, i giovani allievi della scuola media si cimenteranno non solo nelle letture, ma anche nei commenti critici ai passi del Manzoni.


Tra gli appuntamenti di Libriamoci a scuola, in Italia e nel mondo, c’è anche il progetto della Biblioteca Alario, nel duplice incontro di lettura promosso in collaborazione con l’IIS “Ancel Keys” di Castelnuovo Cilento e con l’IC di Casal Velino, per il cui dettaglio si rimanda alla banca delle iniziative registrate e censite sul sito istituzionale.




#RicercaCultura #Libriamoci

19 visualizzazioni

Home

Organizzazione

> Chi siamo

       - Mission

       - Il Complesso Alario

       - Staff

       - Organi Istituzionali

> Statuto

> Bilancio sociale

Aree di attività

> Formazione

> ApL e Servizio Civile

> Lab

> Attività e Progetti

        - sviluppo locale

        - politiche sociali

        - giovani

> Ricerca e Cultura

Contatti

indirizzo

Fondazione Alario per Elea-Velia 
Viale Parmenide - fraz. Marina | 84046 Ascea (SA)

info@fondazionealario.it

telefono

+39 0974 971197

© 2019 Fondazione Alario per Elea - Velia Impresa Sociale

Proudly created with Wix.com

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Google+ Icon
  • Grey Instagram Icon